Consigli pratici per superare un colloquio di lavoro


Il colloquio di lavoro è la prova più importante di tutto il processo di selezione del personale. Arrivare a questo fatidico giorno tranquilli e preparati psicologicamente è importantissimo, anzi, decisivo per accaparrarsi il desiderato posto di lavoro. Non dimenticate che l’impressione iniziale è l’unico biglietto da visita a cui si atterranno le persone destinate a valutarvi.

job

Ma come si svolge un colloquio di lavoro?

Il colloquio di lavoro è una conversazione in cui i candidati sono sottoposti a domande precise che mirano a valutare la loro preparazione culturale e professionale e la loro motivazione al lavoro. Più precisamente, l’intervistatore esamina la veridicità delle affermazioni fatte nel curriculum, la coerenza tra la personalità del candidato e l’iter professionale scelto, e non ultimo, indaga nella vita privata del candidato formulando domande su i propri valori (“quali sono le cose più importanti nella tua vita?” oppure “per quali cose – o valori- sei disposto a lottare fino in fondo?”) , sul proprio carattere ( la domanda classica è: “quali sono i tuoi pregi principali?” e “quali sono i tuoi peggior difetti?”), sui propri desideri e aspirazioni.

interview

Il selezionatore potrà cercare di mettere in difficoltà l’esaminando per valutare la coerenza e l’autenticità della persona che ha davanti. Per far ciò, può aprire un dibattito, puntando a far parlare liberamente l’intervistato, su argomenti di carattere generale, di attualità o di costume, o anche su argomenti legati all’oggetto di attività dell’azienda. Tramite questo spunto iniziale, il selezionatore osserverà la capacità del candidato di esprimersi e di arrivare a una qualche conclusione. Se si viene messi in questa situazione è opportuno dimostrare abilità nella sintesi e nell’analisi, non parlare per luoghi comuni generalizzando, ma aprire le frasi dicendo sempre: “io penso che…” , “il mio parere sull’argomento è….per le seguenti ragioni teoriche e empiriche….”. non mostrarsi fanatici e aggressivi, ma dimostrare ironia e elasticità mentale anche su argomenti o fatti che detestiamo. Quello che conta ed è decisivo in questa prova, è il non rimanere senza parole e il non sapere cosa dire. Dimostrare che si padroneggiano gli eventi, che si dispone di un pensiero logico, organizzato e si sa raggiungere una conclusione, offre un ottimo punteggio al nostro esaminatore.

 summary

Dal momento che questo colloquio è importantissimo nella selezione del lavoratore, è fondamentale che il candidato tenga presente i punti seguenti:

  • Arrivare al colloquio preparati:

    Sull’azienda, sul suo settore merceologico, sull’andamento del mercato

    Su quanto scritto sul proprio curriculum

    Sui requisiti richiesti dall’azienda nell’offerta di lavoro

  • Arrivare puntuali, indossare abiti formali e evitare look troppo forti, trucchi troppo accentuati, gioielli eccessivi, profumazioni eccessive.

  • Salutare senza timidezza, e sedersi solo quando si è invitati a farlo.

  • Evitare nel dialogo divagazioni e lungaggini inutili che portano solo ad annoiare il vostro interlocutore, non mangiarsi le parole e non tenere il tono bisbigliato o viceversa troppo alto.

  • Non cascare nelle provocazioni che vi verranno formulate. Mostrare sangue freddo e ironia.

Le domande generalmente sono poste nel seguente ordine:

Capacità scolastiche e professionali

Mi riassuma il suo percorso di studi e le sue esperienze lavorative,

Quale materie studiava con più passione?

Perché ha scelto questo percorso di studi, quali sono i suoi obiettivi ora?

usa spesso il computer, e per farci cosa?

Perché ha smesso il suo ultimo lavoro?

Di quale formazione pensa di aver bisogno per aumentare la sua professionalità?

Cosa pensa di aspettarsi da questo lavoro?

Caratteristiche caratteriali

Mi parli di lei

Quali sono i suoi punti di forza e le sue debolezze?

A quali social è iscritto, che profilo ha?

Quali sono i suoi hobby e perché li ha scelti?

Quali sono i suoi obiettivi da qui a 5 anni?

Quali sono i suoi obiettivi da qui a 10 anni?

Quali sono le cose che le riescano più difficili?

Quale è stato il suo errore più grosso?

Problem solving, creatività

Di fronte alle difficoltà mantiene la calma o perde la testa?

Mi parla di una situazione difficile in cui si è trovato in passato?

Come gestirebbe questa specifica situazione…..?

Lavoro in equipe

Riesce meglio a lavorare individualmente o in gruppo?

Come si comportava nel lavoro precedente quando capitava qualche screzio con i colleghi?

Qual è il suo approccio al gruppo?

Gerarchia aziendale

L’autorità e le regole secondo lei sono sempre utili?

Qual’ è il fine dell’organizzazione in un’ azienda?

Che cosa direbbe al suo capo se non riuscisse a sopportare il suo carattere?

E’ più importante obbedire o sovvertire le regole?

Motivazione

Mi parli dei suoi obiettivi e di cosa la porta a concorrere per questa posizione?

Pensa che questo lavoro le darà le cose che cerca?

Perché pensa di essere la persona giusta per questo lavoro?

question-mark

Se viene chiesto a fine colloquio al candidato di porre delle domande, è utile scegliere qualcosa tra questi argomenti:

  • E’ previsto un corso di formazione
  • Come l’azienda sopporta i nuovi lavoratori nel raggiungere gli obiettivi?

Conclusione del colloquio:

In questa fase, salutate ed evitate di chiedere informazioni sull’esito del colloquio. Deve essere l’intervistatore a informare il candidato.

Ricordarsi, nel colloquio, di evitare i seguenti atteggiamenti:

  • Mostrarsi ansiosi e quindi rispondere in modo evasivo e sfuggente per non fronteggiare a pieno il nostro interlocutore,

  • Adulare e cercare di sedurre il nostro selezionatore

  • Opporsi al nostro selezionatore cercando di dominarlo e di dimostrare la nostra superiorità.

icon-offerpicmonkey-sample

 

logomcpiccolo