Come superare la malinconia?


 

La malinconia è uno stato d’animo di vaga tristezza, spesso alimentato dall’indugio rassegnato nell’ambito di sentimenti d’inquietudine o delusione.

Il termine in realtà deriva da una deformazione della parola “melancolia”, usato nell’antica medicina ippocratica per indicare uno stato di abbassamento dell’umore che si credeva dovuto a una eccessiva secrezione di bile nera da parte del fegato.

 

8


Cosa significa essere malinconici?

Vivere nel passato. La prima caratteristica delle persone malinconiche è quella di rifugiarsi nelle esperienze passate, di aggrapparsi ai ricordi belli e viverli con profonda nostalgia, rifiutando di crearne di nuovi. Ti capita di perderti nei ricordi che appartengono ad un tempo in cui eri felice? Ti trovi sempre più spesso a pensare con amarezza ad un passato che non tornerà?

Isolamento. Una seconda caratteristica riguarda la tendenza a chiudersi in se stessi, a non condividere i propri sentimenti con gli altri. Questo atteggiamento ti conduce all’isolamento e la solitudine non fa altro che accentuare la sensazione di rassegnazione e tristezza in cui ti trovi.

Mancanza di qualcosa che non si ha mai avuto/vissuto. I malinconici oltre a vivere nel passato, sentono nostalgia per esperienze che non hanno mai vissuto. Ti succede sempre più spesso di sentire un vuoto pensando a qualcosa che avresti voluto fare, ad un’esperienza che avresti voluto vivere?

Pessimismo. A tutto ciò si aggiunge una visione pessimistica della vita, che ti porta a credere che non ci sarà mai nulla di bello per te, che il treno della felicità sia già passato e che non ritornerà più.

Posso svelarti un segreto? Il treno della felicità sei tu a guidarlo!


Ma la malinconia è solo negativa?

Le sensazioni che accompagnano la malinconia nascono da un vuoto interiore. Un vuoto che può diventare il motore di un cambiamento, il fulcro di una spinta che produce una rinascita. L’origine della malinconia può trasformarsi infatti in motivazione, può spingerti a rinascere e mettere in moto tutte le tue risorse. Le persone malinconiche sono spesso le più sensibili, quelle che possiedono un patrimonio interiore ricco e sfaccettato. Il tuo scopo è quindi quello di trasformare la malinconia in voglia di rinascita, di indirizzarla in un percorso di crescita, mirato al raggiungimento del benessere e della felicità.


Come superare la malinconia?

  • Il dolore e la tristezza sono degli stati passeggeri. Non sono radicati in te! Questa è la tua percezione della cosa, ma si tratta di un modo di sentire puramente soggettivo. Devi accettare che la vita è in continuo mutamento e che è sempre possibile cambiare e ricominciare.
  • Affinché il cambiamento si compia è necessario iniziare. Se continuerai a stare fermo e a compiangerti non cambierà mai nulla. Il primo passo è sempre il più banale e allo stesso tempo quello fondamentale. Non servono grandi cose: un nuovo taglio di capelli, intraprendere una nuova e sana abitudine, un hobby che ti renda felice.
  • Concentrarsi sulle emozioni positive che derivano dal mettersi in gioco. Concentrarsi sulle cose che ti fanno sentire vivo. Su quelle che ti trasmettono entusiasmo e voglia di continuare a provarle. Se in un giorno ti capita di sentirti così anche in una sola occasione, vuol dire che la strada è quella giusta!
  • Infine è molto importante provare a lasciarsi andare, a rischiare, a fidarsi degli altri, a fare qualche salto nel buio, senza dare per scontato che niente e nessuno potranno renderci felici. Pensaci un attimo. Se tutte le esperienze che tendi ad evitare dovessero rivelarsi positive potrebbe aprirsi davanti a te un nuovo mondo di relazioni ed emozioni. Se non dovesse andare così bene, cosa avrai perso? Praticamente nulla!

24835115825_e5b7a8ef29_k

Tentare è sempre la strada più giusta,

non dimenticarlo!

logomcpiccolo